Associazione per il Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzati e per la ricerca sull'Handicap Ente Accreditato per la Formazione ai sensi della direttiva 170/2016.

venerdì 15 febbraio 2019

CORSO DI FORMAZIONE A GATTINARA


DA ZERO A TRE ANNI: LE CONOSCENZE CHE FANNO LA DIFFERENZA
Stimolare l’intelligenza di quantità attraverso il gioco e non solo…linguaggio, movimento e gestione del tempo nei più piccoli


PROGETTO ORGANIZZATO DA CNIS VERCELLI IN COLLABORAZIONE CON COMUNE DI GATTINARA


La matematica con i piccoli. Un percorso di stimolazione delle potenzialità numeriche innate, con master mind sugli aspetti correlati allo sviluppo dei più piccoli: il linguaggio, gestione del tempo e movimento. 

Nell’ambito delle neuroscienze, studi e ricerche scientifiche internazionali hanno fatto luce su modalità mentali e intuizioni numeriche presenti fin dalla nascita in ciascun individuo. Come afferma Brian Butterworth, neuroscienziato di fama mondiale, la capacità di discriminare due diverse numerosità, ad esempio, è innata e accompagnata nel tempo dalla capacità di stimare quantità estese; essa si perfeziona agganciandosi agli strumenti culturali che l’ambiente fornisce al bambino. Si evince, dunque, la necessità di offrire ai piccoli l’opportunità di usufruire di un contesto di apprendimento favorevole allo sviluppo dell’intelligenza numerica.
L’istituzione scolastica, non essendo aggiornata sui processi di sviluppo infantili che sono alla base della conoscenza numerica, non risulta ad oggi pronta ad agevolare il naturale evolversi dell’intelligenza numerica: essa è innata ma, per mancanza di conoscenza specifica in merito, non viene sviluppata e potenziata se non a partire dai 6 anni, all’entrata cioè del bambino nella scuola primaria. 
Così come noi impariamo a parlare perché qualcuno ce lo insegna, impariamo a sviluppare una competenza solo se la esercitiamo e nel periodo evolutivo giusto. Cosa succederebbe, se esercitassimo i nostri bambini a parlare solo occasionalmente ed in modo sistematico solo dai 5/6 anni in poi o non esercitassimo le loro capacità motorie e di deambulazione fin dai primi mesi di vita? Tanti bambini fanno fatica con i numeri perché perdiamo i loro primi sei anni di vita per ignoranza educativa.
 Proprio per questo tutti i docenti e gli educatori che lavorano con i bambini dovrebbero conoscere i domini cognitivi specifici, per poter agire in modo mirato, rendendo efficace, semplice e duraturo l'apprendimento matematico. Tale necessità di cambiamento si desume anche da indagini e risultati allarmanti raccolti a livello nazionale dall'Invalsi (25% degli alunni in difficoltà matematica a livello delle prime classi di scuola primaria) e, dato ancor più allarmante, mano a mano che gli studenti proseguono nel percorso scolastico  la percentuale di difficoltà e la percezione di incapacità cresce influenzando in modo significativo le scelte di vita e scolastiche di molti ragazzi che decidono di frequentare un corso di studio in base alla matematica che non c’è. 
FINALITA’
Il corso di formazione nasce dalla volontà di riflettere sui metodi tradizionali di insegnamentoapprendimento della matematica e dal bisogno di aggiornarli partendo dalle ultime conoscenze oggettive in materia. Si presenta come un percorso formativo di ricerca-azione, basato su saldi costrutti teorici fondati sulle moderne ricerche delle neuroscienze. Il comitato scientifico italiano di riferimento è coordinato dalla professoressa Daniela Lucangeli, Università di Padova. 
La programmazione degli interventi risulta fuori dagli schemi tradizionali, ma obsoleti, secondo i quali la matematica ed il pre-calcolo devono essere insegnati alla scuola dell’infanzia se, non peggio, alla scuola primaria. 
L’intento è quello di diffondere un bagaglio di conoscenze condiviso da tutte le varie agenzie educative, nei vari ordini e gradi di scuola sul nostro territorio in modo da creare una rete di condivisione di metodologie e materiali. Si ritiene importante, dunque, proporre un percorso di collaborazione e continuità a partire dall'asilo nido in quanto se nasciamo predisposti all'intelligenza numerica, allora è fondamentale accompagnare nel migliore dei modi lo sviluppo delle capacità di “intelligere” le quantità fin dalla tenera età.
OBIETTIVI
1° FASE: FORMAZIONE
       promuovere e favorire l'acquisizione di competenze professionali specifiche di base tra gli educatori nell'ambito della conoscenza numerica nella prima infanzia;
       favorire la diffusione di informazioni e di conoscenze scientifiche e didattiche nel settore della psicologia dell'apprendimento per poter prevenire le Difficoltà di Apprendimento in ambito logico-matematico fin dalla tenera età e in generale negli altri ambiti di sviluppo: linguaggio, apprendimento motorio, ecc..
       divulgare materiali, elaborati, strategie, metodi ed ogni altro strumento specifico, anche su supporti informatici;
       promuovere ed organizzare incontri di continuità nido-infanzia per riuscire a condividere un linguaggio matematico ed un obiettivo educativo comune;
       formare ed informare i genitori rispetto alla necessità di lavorare in sinergia con l’asilo nel potenziamento delle funzioni cognitive matematiche, anche nell’ambito domestico;

2° FASE: RICERCA-AZIONE
       sperimentare, direttamente con i bambini, strategie e metodologie didattiche nuove ed alternative alle classiche modalità di insegnamento/apprendimento attraverso la ricercaazione (da definire in tutte le sue fasi)
       promuovere lo sviluppo dell’intelligenza numerica dei bambini e agevolare lo sviluppo delle prime strategie di problem-solving attraverso il potenziamento del pensiero critico, partendo da problemi legati alla quotidianità e all’esperienza
 
DESTINATARI
       Educatrici Asilo Nido, insegnanti delle sezioni primavera e scuola dell’infanzia.

DURATA, FASI OPERATIVE E MONITORAGGIO
Il corso è composto da 6 lezioni per un massimo di 25 ore così organizzato: 15 ore in presenza, le altre 10 ore verranno riconosciute a chi presenterà e sperimenterà un progetto secondo le linee guida indicate durante il corso.
  
Lezione 1, venerdì  1 marzo, ore 18.00/20.30 GATTINARA, VILLA PAOLOTTI
Presentazione dei modelli teorici di riferimento e delle ultime ricerche scientifiche sull’intelligenza numerica nei neonati.
Lezione 2, venerdì 15 marzo, ore 18.00/20.30 GATTINARA, ASILO NIDO COMUNALE 
Visita alla struttura in cui è già in atto un progetto di sperimentazione su attività a dominio specifico, per capire come è possibile predisporre un ambiente idoneo per lo sviluppo dell’intelligenza numerica nei piccolissimi. Presentazione di giochi e attività didattiche e indicazioni per presentare il progetto ai genitori.
Lezione 3, venerdì 29 marzo, ore 18.00/20.30, VILLA PAOLOTTI
 Confronto e scambio di esperienze sulle attività sperimentate.
Sviluppo del linguaggio e della comunicazione nei primi anni di vita.   
Lezione 4, venerdì 12 aprile, ore 18.00/20.30, ASILO NIDO COMUNALE
 Confronto e scambio di esperienze sulle attività svolte nel mese precedente.
 La gestione del tempo nei piccolissimi, l’ascolto e l’utilizzo del lessico
Lezione 5, venerdì 3 maggio, ore 18.00/20.30, VILLA PAOLOTTI
Confronto e scambio di esperienze.
Quanto e quale movimento nei piccolissimi.   
Lezione 6, venerdì 17 maggio, ore 18.00/20.30, GATTINARA, VILLA PAOLOTTI Conclusione e discussione dei lavori, saluti e distribuzione attestati.  

RELATORI: 
Dott.ssa Adriana Barone, Presidente Cnis Vercelli
 Dott.ssa Barbara Rossin, Coordinatrice Asilo Nido Comune di Gattinara, Formatrice CNIS 
COLLABORATORI PER LE ATTIVITA’DI SPERIMENTAZIONE: docente esperto in attività motorie e personale qualificato nella sperimentazione laboratoriale (scuola dell’infanzia e asilo nido).
PREVENTIVO E COSTI CALCOLATO SU SEI INCONTRI PER UN TOTALE DI  25 ORE DI FORMAZIONE.
€ 90,00 a persona comprendente 15 ore di formazione in presenza di cui 10 riconosciute con presentazione di un elaborato sull’attività. 
Preparazione materiali, affiancamento e consulenza nelle singole strutture, analisi della documentazione, monitoraggio e restituzione dei dati raccolti. 




Codice del Video 2
Codice del video 3
Codice del video 4

Lettori fissi